Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: iPad 3

  1. #1
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    21,314
    Post Thanks / Like
    Downloads
    2
    Uploads
    0

    Predefinito iPad 3

    iPad 3, il nuovo iPad

    Apple a San Francisco mostra il suo nuovo tablet. Che, per una volta, non smentisce nessuna delle previsioni della vigilia. C'è spazio anche per una rinnovata Apple TV

    Roma - CPU più veloce, schermo Retina, LTE: il nuovo iPad, Apple lo chiama così senza aggiungere un 3 per confondere le idee ai clienti dopo aver chiamato il precedente "iPad 2", fa tutto quello che ci si aspettava da lui alla vigilia. Nonostante la consueta cortina di riservatezza, insomma, questa volta i rumor ci avevano preso appieno.



    Che cos'è iPad 3: è lo stesso tablet visto da due anni a questa parte nella forma, ovvero uno schermo 4:3 da 9,7 pollici di diagonale, con un guscio di alluminio. La differenza la fa tutta lo schermo, comunque: ora è da 3,1 megapixel con una densità pari a 264 punti per pollice, quanto basta a Tim Cook per proclamare dal palco che si tratta di un display Retina con un miglioramento anche nella capacità di restituire colori più vividi (per fare un raffronto, comunque, iPhone 4 e 4S arrivano a 326ppi, ovvero sopra la soglia di 300 che è genericamente ritenuta lo spartiacque significativo). Per riuscire nell'impresa di far stare 2048x1536 pixel in così poco spazio (è una risoluzione superiore a quella dei televisori fullHD in commercio, che di solito hanno diagonali dai 20 pollici fino a 60), Apple ha deciso di montare un display con la circuiteria che trasporta i segnali sotto la matrice dei pixel: il risultato, non trascurabile, è che il prezzo da pagare per delle immagini super-definite è uno spessore complessivo della tavoletta che aumenta da 8,8 a 9,4 millimetri. Facile immaginare che il marketing della concorrenza si scatenerà su questo neo.

    Ovviamente, gestire 4 volte i pixel del vecchio schermo non è cosa da poco: per questo il nuovo iPad monta una CPU dual-core più veloce che, a giudicare dal nome, dovrebbe essere un'evoluzione della precedente (quindi solo mezza generazione avanti, non c'è uno stravolgimento dell'architettura). In ogni caso, pomposamente Cook e compagni dal palco affermano che l'A5X sarebbe 4 volte più potente di un Nvidia Tegra 3 (e solo 2 volte dell'Apple A5, curiosamente), grazie anche a un comparto grafico quad-core di tutto rispetto (per dimostarne le capacità, sul palco vengono mostrate delle demo di videogiochi in uscita, con caratteristiche ormai quasi a livello di console). Ovviamente, sarà complicato confrontare i benchmark visto che le piattaforme montano OS differenti: ma pare pacifico affermare che più che le prestazioni assolute, per l'utente finale conti l'efficacia dei chip nel garantire fluidità all'esperienza d'uso.
    Altro miglioramento significativo è una nuova fotocamera posteriore da 5 megapixel, con lo stesso tipo di lente montata su iPhone 4S: il risultato è che oggi diventa ragionevole scattare foto e girare filmati (1080p) con il tablet, sebbene resti sempre piuttosto imbarazzante tirar fuori un device così grosso per farlo. A ogni modo, a testimonianza dell'interesse di Apple nel promuovere queste funzionalità, ad un rinnovato iMovie per iPad si affianca anche un iPhoto dalle capacità interessanti, forse addirittura maggiori della versione desktop attuale: l'app, in vendita su App Store, permette di gestire anche foto provenienti da una SD inserita nell'apposito adattatore connesso al Dock 30-pin, ed è in grado di manipolare immagini fino a 19 megapixel di risoluzione. Anche GarageBand, il terzo componente della suite iLife, è stato aggiornato per ampliarne soprattutto le doti di interattività con altri iPad presenti nella stessa stanza. Tutti e tre i software sono in vendita a 3,99 euro ciascuno. Apple ha poi aggiunto che pure il pacchetto iWork per iPad è stato aggiornato.


    Infine, lato connettività wireless Apple si lascia sedurre dal marketing altrui e dichiara compatibilità 4G per il nuovo iPad: ovvero, il chip montato (ci sono due versioni diverse in circolazione, a seconda di quale standard LTE si decida di adottare per il proprio device - negli USA i due principali partner AT&T e Verizon stanno seguendo percorsi diversi) è compatibile con le specifiche LTE fino a 78mbps, abbinate a un più tradizionale e diffuso HSPA a 21 megabit - analogo ad iPhone 4S - e a un 3G che dovrebbe garantire connessione su ogni tipo di rete in giro per il mondo. Qui Apple fa un altro salto nel vuoto, arrivando a sostenere che a oggi il nuovo iPad sarebbe il dispositivo più avanzato in circolazione sotto il profilo del numero di reti supportate: sarà un altro punto dolente nella controffensiva mediatica dei concorrenti. Ora, tra l'altro, anche iPad acquisisce la funzionalità Hotspot già presente su iPhone dalla versione 4 in avanti.

    Contemporaneamente al lancio del nuovo iPad, Apple ha deciso anche per il rilascio di iOS 5.1 (che supporta Siri in lingua giapponese, ma niente italiano per ora) e di iTunes 10.6 (necessario per chi vorrà dotarsi del nuovo tablet). In iOS 5.1 sono contenuti un po' di patch per i bug che affligevano soprattutto iPhone 4S, uno su tutti quello relativo all'audio delle chiamate dopo aver collegato e scollegato le cuffie: inoltre, sul nuovo iPad consentirà anche di attivare il riconoscimento vocale (la lingua italiana non è supportata) che assomiglia tanto a un fratello minore di Siri, pur non ereditandone le capacità di comprensione semantica e interazione viste su iPhone 4S. Chissà perché Cupertino avrà deciso di non traghettare l'assistente digitale personale anche sulle tavolette.

    Nonostante i potenziamenti di schermo, CPU e connessione wireless, e grazie probabilmente allo spessore aumentato, il nuovo iPad lascia invariati autonomia della batteria (10 ore su WiFi/3G, 9 su LTE), e sopratutto il prezzo: 499 dollari la versione 16GB WiFi, 599 e 699 quelle 32 e 64GB; 629, 729 e 829 per gli analoghi modelli ma con in più il chip LTE. Ovviamente, bianco o nero. I prezzi italiani restano un segreto, almeno per il momento. Come gradita sorpresa, Cupertino decide di tenere in vendita iPad 2 da 16GB e abbassarne il prezzo di 100 euro: certo la scelta del nome del nuovo modello, solo "iPad" senza numero ordinale, complicherà la vita agli acquirenti meno pratici e sarà foriera di qualche confusione nei listini dei rivenditori. A ogni modo, iPad 2 16GB WiFi costerà ora 399 euro, il modello 3G 519.

    Il nuovo iPad sarà invece in vendita in Italia a partire da 23 marzo.

    Oltre alla tavoletta, il CEO Tim Cook ha anche annunciato la disponibilità di una nuova versione di Apple TV. A quanto pare non si tratta più solo di "un hobby" per l'azienda, visto l'invito finale di Cook a ordinarne una, e nonostante non sia stata resa esplicita alcuna modifica all'hardware, ora Apple TV supporta video fino a 1080p, si giova di una nuova interfaccia e acquisisce una sezione dedicata alla funzione Photostream di iCloud: ovvero, le foto scattate con iPhone e iPad saranno facilmente e immediatamente visibili sullo schermo a cui è collegata l'Apple TV, senza dover sincronizzare manualmente nulla. Il prezzo non cambia, 109 euro, ma il nuovo hardware sarà l'unico in grado di supportare i video fullHD: le vecchie Apple TV potranno installare il nuovo software, ma rimarranno relegate ai video 720p. La nuova versione dell'apparecchio sarà in vendita dal 16 marzo.

    Fonte: orebla


  2. # ADS
    GbcNet Ads Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     
  3. #2
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    21,314
    Post Thanks / Like
    Downloads
    2
    Uploads
    0

    Predefinito

    Apple ha voluto incentrare la descrizione delle potenzialità di iPad 3 sul nuovo display retina; vanto per l’azienda di Cupertino. Tanto da mettere in prima pagina sul proprio sito il titolo: “Risoluzionario”. Indicando le prestazioni HD del nuovo display. Vediamo in dettaglio quanto la tecnologia di Apple ha portato innovazione in questo campo.



    Sul sito di Apple è online il video di presentazione del nuovo iPad, in inglese. Esiste anche la versione con i sottotitoli in italiano che, però, è in bassa definizione, ironia della sorte…



    L’immagine di apertura di questo articolo è indicativa: iPad 3 ha una risoluzione maggiore di quella di un Televisore FullHD. Come potete vedere la grafica mostra, rapportato, la risoluzione maggiore di iPad 3 (2048 x 1536 pixel) in confronto a quella di un TV FullHD che porta “solo” 1920 x 1080 pixel.
    Uno schermo da 9,7 pollici (quello di iPad, nda) con più pixel di un TV da 30 pollici!
    Ma come è stato possibile questo?? Apple ha dovuto creare una nuova tecnologia che gli permettesse di mettere in uno spazio standard di 1 pixel ben quattro pixel e di sollevarli per impedire che vi siano interferenza fra loro!


    iPad 3: 4 pixel nello spazio di 1

    Una potenzialità grafica di questo genere richiede una potenza del processore molto elevata. Per questo motivo Apple ha dovuto modificare l’attuale A5 in una versione più “spinta”: A5X.


    iPad 3: il processore A5X

    Questo processore A5X dispone di una tecnologia Quad-core molto efficiente tramite la quale possiamo mantenere la stessa durata di utilizzo e autonomia.


  4. #3
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Messaggi
    9,407
    Post Thanks / Like
    Downloads
    47
    Uploads
    4

    Predefinito Arriva il nuovo iPad il primo senza Jobs

    .Superveloce, con un nuovo schermo, perfetto per i giochi Tante novità, pochissimo show, nessuna vera rivoluzione
    Lastampa.it BRUNO RUFFILLI INVIATO A LONDRA
    Quando presentò la prima versione dell’iPad, il 27 gennaio di due anni fa, Steve Jobs lo definì «magico e rivoluzionario». Oggi quella magia e quella rivoluzione fanno parte della vita di 55 milioni di persone, ma ad Apple non basta. È la legge della tecnologia che impone di non fermarsi: così ieri il «ceo» di Apple Tim Cook ha presentato la terza generazione dell’apparecchio, l’arma più affilata di Cupertino per mantenere il primato in un mercato, quello dei tablet, che ha creato dal nulla.

    Com'è fatto
    La tavoletta è leggermente più spessa e più pesante della versione precedente, una scelta curiosa per un’azienda che ha fatto coincidere il progresso tecnologico con una riduzione di dimensioni e peso. Ma c’è una ragione: lo schermo ad altissima definizione è più spesso di quello attuale e necessita di batterie maggiorate per garantire la stessa autonomia. Per mezzo millimetro e qualche grammo in più, liPad 2012 offre un display a 2048 per 1536 pixel, novità assoluta per un apparecchio commerciale: le tv più evolute si fermano a 1920 per 1080. Lo schermo conserva le dimensioni del vecchio modello, così i pixel, i puntini luminosi che compongono le immagini, sono vicinissimi tra loro: testo e immagini sono nitidissimi, come se fossero stampati. Apple aveva già adottato una tecnologia simile per lo schermo dell’iPhone.

    Da vedere e da toccare
    Cook ha spiegato che oltre i tre quarti dei ricavi di Apple provengono da apparecchi post-pc: iPhone, iPad, iPod. Anzi, col solo iPad, Cupertino si è piazzata davanti ad Hp, primo produttore mondiale di computer. La novità è che oggi a Cupertino insistono sul tablet come strumento per produrre contenuti, oltre che per consumarli: così arrivano una serie di app fatte apposta per scrivere, montare video, elaborare immagini. Tutto con un tocco, e tutto in HD, che pare essere la nuova frontiera della tecnologia mobile. Sull’ultimo iPad ci sono infatti una fotocamera da 5 megapixel e un processore dedicato per la grafica; la resa con i giochi è eccellente («meglio della Playstation 3 e della Xbox», per il presidente di Epic Games, ospite sul palco dello Yerba Buena Center di San Francisco), ma migliora anche la leggibilità di libri e siti.

    La strategia
    Al Mobile World Congress di Barcellona, la scorsa settimana, i nuovi tablet erano pochissimi, dopo le novità del 2011. Tutti aspettavano Apple, che ha scelto una strategia in tre tappe: il nuovo iPad senza nome, venduto allo stesso prezzo del modello precedente, l’Apple tv versione 2012, con cui è possibile vedere sul televisore del salotto quello che mostra il display del tablet. E a Cupertino hanno pensato bene di fare dell’iPad2 il modello di attacco per combattere l’avanzata di Android (in Italia è disponibile da 399 euro). Il nuovo iPad debutta il 16 marzo negli Usa e in altri 11 Paesi, da noi arriverà una settimana dopo, ma senza due delle caratteristiche più interessanti: la velocissima connessione Lte (Long Term Evolution) e il sistema di dettatura intelligente. Per la prima bisognerà aspettare le reti cellulari di quarta generazione e l’assegnazione delle frequenze, per il secondo dovrebbe arrivare un aggiornamento software entro l’anno.

    Intanto, più che di magia e rivoluzione, nel primo keynote dopo la morte di Jobs si è parlato di numeri e mercati. Il guru della Mela non è mai stato nominato, e la sua assenza si è avvertita: quella di ieri era una buona presentazione, ma non lo spettacolo cui aveva abituato fan e appassionati.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •